Comune di Jelsi
Piazza Umberto I, 40 - 86015 Jelsi (CB)
Tel. 0874710134 - Fax 0874710539

» Contatti

» Provincia di Campobasso
» Regione Molise
» Governo Italiano
» Unione del Tappino


Lettura ACQUA

Arti e monumenti
Palazzo Ducale
Palazzo Valiante
Convento di S. Maria delle Grazie
Cappella della SS. Annunziata
Chiesa di Sant'Andrea Apostolo
Cappella Capozio
La Fontana Monumentale
Il Palazzo Civico
Casa Pinabello
Il Monumento ai Caduti
Le Fosse di Civitavecchia
Progetto Scavi Archeologici località Civitavecchia-Jelsi
Informazioni
Sindaco
Codice ISTAT
Cod. Catasto
Cod. Fiscale
Abitanti
Densità
Superficie
Altitudine
Nome abitanti
Santo Patrono
Festa Patron.
Salvatore D'Amico
070030
E381
00172780702
1.861
65 abitanti/km²
28,50 km²
580 m s.l.m.
Jelsesi
Sant'Andrea
30 novembre
In evidenza
Tutto Trasporti Molise
Jelsi su MeteoMolise
Progetto VotivA+
Mappa
mappa jelsi
Vista stradale
pec jelsi trasparenza valutazione e merito
Rubrica
Scuole
Carabinieri
Vigili Urbani
Vigili del fuoco
Farmacie
Guardia medica
Dove mangiare
Dove dormire
Collegamenti
Unione dei Comuni del Tappino
Comunità Montana del Fortore Molisano
Gazzetta Ufficiale
Strumenti
Stampa pagina
Bookmark & share
RSS Feed

Home  »  Cultura  »  Arti e monumenti

Il Palazzo Civico

Il Municipio di Jelsi, attualmente si articola in due corpi di fabbrica: quello sulla sinistra reca la Torre dell'Orologio, quello sulla destra corrisponde all'antica Chiesa di S.Biagio.
I due edifici, collegati all'altezza del primo piano, fanno da sfondo alla Fontana Monumentale detta del "delfini".
Il Palazzo Civico e l'annessa Torre dell'Orologio, sono realizzati in uno stile assimilabile a quello prerinascimentale e si articolano su tre piani.
L'orologio montato sulla Torre è dotato di meccanismo di suoneria per le ore, le mezze ore e per i quarti. Le delibere riguardanti l'attuale sistemazione edilizia risalgono, Sindaco Biagio Gentile, agli anni 1877 e 1878 quando si decise di erigere una torre per l'impianto del pubblico orologio e di restaurare l'edificio che ospitava la Casa Comunale.
Gli avvisi d'asta vennero pubblicati nel 1879 e l'opera venne aggiudicata alla ditta Guglielmo Fanelli di Riccia. Il conto finale dell'opera fu di Lire 9972,00.
I lavori da eseguire consistevano essenzialmente nel rinforzare le mura esistenti non in grado di sostenere piani sopraelevati, nell'alzare ed uniformare le quote dei solai, nell'abbattere la vecchia torre ed erigerne una piùalta. Il tutto secondo un'architettura svincolata da precisi canoni stilistici per riuscire ad occultare alcune irregolarità estetiche presenti nella facciata.
I lavori terminarono con la consegna dell'opera l'8 luglio 1880, ma gli ambienti così ricavati si mostrarono, con il passare degli anni, sempre meno idonei e adatti alle accresciute esigenze dell'Amministrazione che si trovava nella necessità di prendere in affitto i locali necessari ad alcuni suoi uffici.
Nel 1953, superando gli annosi contrasti con le autorità ecclesiastiche che rivendicavano la proprietà dell'ex Chiesa di S.Biagio completamente distrutta durante episodi bellici della IIa Guerra Mondiale, il Consiglio deliberò di realizzare su quell'area una nuova sede per il Municipio. In tal modo si ebbe la possibilità di fornire al Palazzo Civico un fabbricato complementare idoneo ad ospitare la Sala Consiliare, l'Archivio, la Segreteria e tutti gli uffici indispensabili per i vari servizi di interesse pubblico. Negli anni '80 la Sala Consiliare fu resa idonea per ospitare manifestazioni culturali, convegni, conferenze e dibattiti.
L'orologio della Torre venne alcuni anni dopo il rifacimento del Palazzo Civico. Solo nel 1884 vennero determinate le caratteristiche tecniche di un tale impianto e si prese contatto con il "Costruttore Meccanico Alfonso Curci", (allievo di August Bernard), residente a Napoli.
Il 14 giugno 1885, davanti al Sindaco Teodosio D'Amico, il fabbricante di orologi da campanile Alfonso Curci accettava il contratto per la fornitura delle macchine dell'orologio e del quadrante; alle campane avrebbe pensato il Comune.
L'orologio, come minuziosamente descritto nel contratto, doveva essere di gran calibro, con suoneria a martelli su campane da 100 e 400 Kg e con quadrante in marmo lapidario dal diametro di 1,30mt. Il meccanismo, da montare su un'apposita impalcatura metallica, doveva essere completamente "a vista" per consentire una piùfacile manutenzione e dotato di pesi motori in ghisa o, soluzione piùeconomica, in pietra locale. Lo scappamento doveva essere ad ancora d'acciaio e regolato da un pendolo di 10Kg sospeso all'inglese, cioè mediante una barretta d'acciaio molto sottile e flessibile. Sul quadrante: numeri impiombati e indice in ottone verniciato.
Infine, la sospensione delle campane doveva avvenire con un apposito ormeggio costituito da quattro colonne di ghisa con gli ornati e i gioghi per martelli e bandiere realizzati in ferro battuto.
Il costo veniva fissato in Lire 1.500 per la macchina e Lire 140 per il quadrante. In piùsi dovettero sostenere le spese per le campane che, requisite dai soldati tedeschi nel 1943, furono sostituite con altre nel 1945.
Attualmente ospita gli uffici del Sindaco e dell'Ufficio Tecnico.

(ultima revisione: 15/6/2007)