Comune di Jelsi
Piazza Umberto I, 40 - 86015 Jelsi (CB)
Tel. 0874710134 - Fax 0874710539

» Contatti

» Provincia di Campobasso
» Regione Molise
» Governo Italiano
» Unione del Tappino


Lettura ACQUA

Informazioni
Sindaco
Codice ISTAT
Cod. Catasto
Cod. Fiscale
Abitanti
Densità
Superficie
Altitudine
Nome abitanti
Santo Patrono
Festa Patron.
Salvatore D'Amico
070030
E381
00172780702
1.861
65 abitanti/km²
28,50 km²
580 m s.l.m.
Jelsesi
Sant'Andrea
30 novembre
In evidenza
Tutto Trasporti Molise
Jelsi su MeteoMolise
Progetto VotivA+
Mappa
mappa jelsi
Vista stradale
pec jelsi trasparenza valutazione e merito
Rubrica
Scuole
Carabinieri
Vigili Urbani
Vigili del fuoco
Farmacie
Guardia medica
Dove mangiare
Dove dormire
unione dei comuni del tappino
Collegamenti
Unione dei Comuni del Tappino
Comunità Montana del Fortore Molisano
Gazzetta Ufficiale
Strumenti
Stampa pagina
Bookmark & share
RSS Feed

Home  »  News ed eventi  »  News 2012


Dimensionamento scolastico

IL COMUNE INFORMA
Si è tenuta il 12 Gennaio presso la sala della Costituzione della Provincia di Campobasso la conferenza provinciale per il dimensionamento scolastico.
Con riferimento al plesso scolastico di Jelsi-Gambatesa-Tufara, dopo la richiesta dei sindaci di Gambatesa e di Tufara di staccarsi ed accorparsi all'Istituto Comprensivo di S.Elia a Pianisi, la conferenza ne ha previsto la soppressione, disponendo l'così l'accoglimento delle istanze dei comuni di Gambatesa e Tufara e di conseguenza quella del comune di Jelsi che, stante la situazione venutasi a creare, è rimasto fermo sulla richiesta di accorpamento al nuovo plesso scolastico che ingloberà tutti i comuni dell'Unone dei Comuni del Tappino (Campodipietra, Gildone, Jelsi e San Giovanni in Galdo) che ha sede proprio presso il comune di Jelsi.
Il nuovo Istituto Comprensivo che si è creato, quindi, è oggi formato da Campodipietra, San Giovanni in Galdo, Jelsi, Toro, Gildone e Campolieto, per un totale di 570 studenti nei tre segmenti dell'infanzia, della primaria e della secondaria di primo grado.
A breve il piano approvato in conferenza sarà all'ordine del giorno del consiglio provinciale per poi passare all'approvazione del consiglio regionale che potrebbe a sua volta apportare delle modifiche.
La celerità o i rallentamenti del complesso iter diranno se il nuovo assetto entrerà in vigore già dal prossimo anno scolastico oppure se le cose rimarranno per un altro anno allo stato attuale

Ultime news ed eventi